Torna indietro

L'augurio di un anno scolastico colmo di SPERANZA!

sr Anna Monia Alfieri con i Consiglieri della Fidae Lombardia

Gent.mi tutti,

eccoci all'inizio di un nuovo anno scolastico. Guardiamo a questo anno con fiducia e con determinazione, certi che potremo incidere nella società italiana in modo positivo nella misura in cui non ci stancheremo di mettere in fila le questioni, registrando tutti i passaggi positivi, per poter così guardare con ottimismo ma anche con quel sano senso critico che ci permette di non far mancare il nostro contributo di civiltà.

Abbiamo guardato in modo positivo alla Legge sulla Buona Scuola (L. 107/15), eppure sembra che i risultati stiano in parte tradendo le legittime aspettative della famiglia, dei docenti, degli studenti stessi (clicca qui per leggere).

Pur tuttavia non deve mancare la nostra voglia di crederci e di individuare tutte le vie percorribili affinché la libertà di scelta educativa della famiglia sia garantita e non solo riconosciuta. A cosa serve riconoscere un diritto se poi non viene garantito? Abbiamo avuto modo di condividere che garantire questo diritto (siamo al 47^ posto al mondo in termini di libertà di scelta educativa; a Mosca la famiglia sceglie e in Italia no) è un'operazione a costo zero per il nostro Governo. (clicca qui).

Ma credo che ciascuno di noi abbia una dose di responsabilità nella misura in cui "non si dice" e allora il nostro augurio, e mio personale, è quello di un anno colmo di speranza. «La speranza ha due bellissimi figli: lo sdegno e il coraggio; lo sdegno per la realtà delle cose e il coraggio per cambiarle; dobbiamo cominciare ad avere sdegno e trovare il coraggio di comprendere per cambiare» (Agostino D'Ippona).

  • Ho maturato la convinzione che potremo ritrovare l'Italia quale Res-Publica fondata sulla Democrazia e ridare coraggio ai nostri giovani se noi per primi riusciamo a svincolarci dalle etichette, dai colori, dalla paura di essere strumentalizzati, dai fantasmi ... e maturiamo quel coraggio che dichiara queste verità ovunque ci sia lo spazio. Perchè la libertà di scelta educativa domanda di essere spiegata e molti, compreso il valore di essere liberi in uno Stato di diritto, non potranno non comprendere il valore di un patrimonio culturale gravemente compromesso da un sistema scolastico che nel saggio "Il diritto di apprendere. Nuove linee di investimento" (ed. Giappichelli 2015 con la prefazione del Ministro Giannini) ho dichiarato "classista", "discriminatorio" e "regionalista", il più "costoso", che ci vede agli ultimi posti Ocse, nonostante la nostra Costituzione e la Legge 62/2000 a firma dell'allora Ministro Berlinguer abbiano tutte le premesse per un Sistema Scolastico Integrato. Dati certi e incontrovertibili, personalmente presentati all'attuale Governo (clicca qui per leggere).
  • Ieri 06 settembre abbiamo potuto condividere questi principi insieme alle altre associazioni con il Vice sindaco e Assessore all'Istruzione del Comune di Milano, dott.ssa Anna Scavuzzo, la consigliera Strada, il dott Draisci e i loro collaboratori di settore.. Un incontro piacevole e franco che ci ha visti ancora una volta insieme fra di noi e le Istituzioni per cercare vie percorribili per un Sistema Scolastico Integrato. Un dialogo aperto con il sindaco Sala che continua ed è anche nostra responsabilità domandare che sia cosi (clicca qui per leggere).
  • Con la medesima libertà lo ripresenteremo alla convention di esperti chiamati dal Dott. Parisi, in cui la parola è data ai cittadini, il 16/9/2016 nel pomeriggio (clicca qui per leggere).

Ci sarò per registrare i passi positivi, per chiedere conto dei risultati che tradiscono le premesse, in un dialogo con le Istituzioni e fra di noi sempre franco e schietto, per contribuire al vero bene delle famiglie italiane.

Non lasciamoci togliere la speranza attraverso la paura, o peggio la delusione che nulla muterà. Sono fiduciosa, siamo fiduciosi all'apertura delle nostre porte: quei volti di bambini, ragazzi e  giovani studenti ci spingeranno a questo percorso lungo, faticoso e spesso privo di risultati nel breve periodo. Ma la resa non è consentita.

Una proposta che ho lanciato attraverso Il Giornale, 07 settembre 2016, è quella di apporre un nastro bianco ai cancelli o alla porta delle nostre scuole, per farci chiedere dai genitori: che cosa significa? A quel punto spiegheremo in modo adeguato la situazione della famiglia e dei docenti delle scuole paritarie in Italia.

07.09.2016 da Il Giornale, "Non può esserci buona scuola «affamando» gli istituti paritari", Centinaia di migliaia di studenti stanno per tornare sui banchi ma loro, e i loro insegnanti, non sono garantiti (clicca qui per leggere la proposta puramente simbolica).

  • Un secondo augurio: Buon Anno Scolastico a ciascuno di Voi, alle famiglie, agli studenti, ai docenti, ai gestori con un breve scritto della Santa Madre Teresa sull'educazione:

«Insegnerai a Volare, ma non voleranno il Tuo Volo.
Insegnerai a Sognare, ma non sogneranno il Tuo Sogno.
insegnerai a Vivere, ma non vivranno la Tua Vita.
Ma in ogni Volo, in ogni Sogno e in ogni Vita,
rimarrà per sempre l'impronta dell' insegnamento ricevuto.
»

  • Segui le attività della Fidae Lombardia attraverso il Calendario (clicca qui).

Infine, non per ordine di importanza tutt'altro, l'Augurio del nostro Presidente Fidae Nazionale, prof.ssa Virginia Kaladich (clicca qui).

 

Con i più cari saluti sr Anna Monia con i Consiglieri della Fidae Lombardia

 

 




Istituto
Varie

Condividi questo articolo:

img11

Il Metodo Educativo

Scopri di più

img11

Gallery

Scopri di più

img11

Progetto Arte Formazione Cultura

Scopri di più

img11

Residenza Universitaria

Scopri di più